La Banda de Centrale

La Banda de Centrale

La Banda de Centrale
la fà girar la testa.
L’√® come on temporale:
rimbombi de tempesta.

La baterìa: canòna!
I piati fa s-ciantisi.
La piassa la rintrona:
co’ i timpani, xe crisi!

E parte i clarinetti
e i flauti ghe va drio.
Ricamo de mottetti
ballabile, con brio.

Le trombe co’ i flicorni
da forza e le alza el tono
sonando, co’ i ritorni,
el tema de gran sprono.

Gli ottoni, se i se mete
a raffica te spara
svariate musichette
che subito se impara.

Maestro tuta furia
dal tempo ‘l x√® stratolto,
con la bacheta a scuria
la musica va in porto.

E alora te si perso
nel mar de l’armonia
che va pa’l giusto verso
a finir la partia.

Partia dove chi vinse
la musica xè prima
e ben la te convinse:
Regina che vol stima.

Ma el fià de proprietà
el xè dei sonatori;
che al sudar dei do Toni
i riva a ‘sti splendori.

Che Dio ve daga fià
al par de Faccin Gino:
ogni ano vien fin qua
a pie o in motorino.

La Banda de Sentrale
la marcia verso i “sento”:
on fato eccezionale
da non butare al vento.

Sar√† ‘na festa granda
che prende tutti quanti:
chi gà sonà in banda
e tutti gli abitanti.

L’augurio x√® normale
bravi si stà, andè avanti
Orgoglio de Sentrale
insieme ai nostri Santi.

Poesia di Don Gianfranco Ambrosini (2 aprile 1931 ~ 13 febbraio 2019) dedicata al Corpo Bandistico di Centrale